La seduta spiritica finita male…………………………………………………………………..
ero a Firenze mi si presenta una signora chiedeva un consulto: i tarocchi dicevano molte cose, gli spiegai i pericoli, ma disse che tutto era a posto.
Dopo aver finito mi salutò cordialmente. Dopo 1 mese mi chiamò urgentemente per farmi andare subito da lei.
Avevo capito, mi preparai con incenso, candele, tutto vestito, arrivai a Firenze e la signora mi disse che succedevano cose strane, tipo cassetti che si aprivano, luce a intermittenza, citofono che suonava da solo, tel. mute.
Le ricordai che l’avevo avvertita, mi supplicò di aiutarla. Presi una stanza in albergo; alle 22 mi
presentai dalla signora; iniziammo la cerimonia dello spirito burlone, lavorai fino alle 06 del mattino, sentimmo voci, venti, botti; dissi ora è tutto a posto. Andai a dormire.
La signora mi ringraziò, dopo un mese mi richiamò urgentemente.
Stavolta era più grave; avevano insistito nel chiamare il marito morto in un incidente.
Stavolta mi portai mia moglie Luisa, prendemmo una stanza in albergo la signora mi spiegò che vari componenti della catena spiritica erano finiti in psichiatria, uno alla neuro lei era diventa brutta; gli spiegai che avevamo lasciato aperto una porta, ed erano entrati spiriti molto forti. Mi presentai alle 22 avevo portato anche la spada suprema che ogni spirito mi doveva ubbidire.
Iniziai subito; una voce forte mi disse di andarmene o facevo una brutta fine diedi l’incenso per la stanza, la casa con un incenso chiamato la morte distruttrice uno spirito mi sollevò da terra, mi scaraventò addosso al muro, sentivo spiriti che ridevano, dicevano: lo sciamano sa fare solo questo, mi ripresi, presi la spada incominciai la cerimonia: urla, venti freddi, vortici che si chiudevano, porte sbattute; per fortuna alle 06 del mattino finimmo, mi feci venire a prendere da mia moglie. Dissi alla signora che non sarei più intervenuto; mi giurò di non farlo più, ma.. Andai a dormire, ma nel pomeriggio la signora mi supplicò di andare a vedere una cosa: era comparsa una scritta sulla parete di casa: diceva “Tanto ti uccideròòò,” la signora di notte aveva richiamato il marito morto. Allora dovetti dare alla signora una lezione le chiesi un bella cifra, dissi signora: “Stavolta sarà una battaglia all’ultimo sangue. Durante la cerimonia, la signora fu posseduta. Riportai tutto a posto e dissi alla signora che stava rischiando grosso. Mentre parlavo, la signora ebbe un infarto; chiamai il 118 e la salvarono. Andai via dopo 2 mesi, seppi che la signora ebbe un incidente e che era rimasta quasi paralizzata. L’ avevo avvertita i La figlia mi chiamò, ma dentro casa non cera più niente. La figlia fece curare la madre. Non si deve scherzare con gli spiriti dei morti.

3387701579

3393003957